Figli dell’officina

Figli dell'officina / O figli della terra
Già líora si avvicina / Della più giusta guerra.

La guerra proletaria / Guerra senza frontiere
Innalzeremo al vento / Bandiere rosse e nere.

Refrain:
Avanti siam ribelli / Fieri vendicator
Un mondo di fratelli / Di pace e di lavor.

Dai monti e dalle valli / Giù giù scendiamo in fretta
Con questa man dai calli / Noi la farem vendetta.

Del popolo gli arditi / Noi siamo I fior più puri
Fiori non appassiti / Dal lezzo dei tuguri.

Refrain:
Avanti siam ribelli / Fieri vendicator
Un mondo di fratelli / Di pace e di lavor.

Noi salutiam la morte / Bella e vendicatrice
Che schiuderà le porte / A uníera più felice.

Ai morti ci stringiamo / E senza impallidire
Per l`Anarchia pugnamo / O vincere o morire.

Refrain:
Avanti siam ribelli / Fieri vendicator
Un mondo di fratelli / Di pace e di lavor.

http://www.youtube.com/watch?v=KC5zZP1hZBg

*************************************
Text: Guiseppe Raffaelli und Guiseppe De Feo

Lied der italienischen AnarchistInnen aus dem Jahr 1921


Creative Commons - Infos zu den hier veröffentlichten Texten / Diese Seite ausdrucken: Drucken


Email  RSS